Compleanno Social

Del rapporto delle madame con Facebook ho già detto tempo fa (se volete potete andare a rileggervelo cliccando qui) ma vorrei raccontarvi il compleanno social di una nata in un anno con “il 6 in terza cifra”.

Il mio compleanno cade in una data comoda. Mediamente tutti hanno dato fondo alle proprie energie per le feste e per i saldi e quindi, a parte l’uscita di qualche nuovo film, nei primi 20 giorni dell’anno succede pochino. Tanto che gli anglosassoni ci hanno persino infilato il Blue Monday,il giorno più triste dell’ anno, che porta depressione e musi lunghi e che comunque cade il terzo lunedi di gennaio e non mi tocca.

Quindi, nel vuoto pneumatico di gennaio molti si ricordano quasi spontaneamente del mio compleanno. Dico quasi perché per anni ho fatto una campagna promozionale dell’evento talmente capillare e martellante che temo di aver fissato questa data nella mente di amici e parenti in modo pressoché indelebile.

Poi… UNDICI-UNO : non vi sembra una data meravigliosa? Il solitario, presuntuoso, individualista Capricorno non può immaginare niente di meglio che questa sfilza di uno. Anche se fosse possibile non cambierei la mia data di nascita con nessun altra, nemmeno se mi offrissero a titolo di incentivo una riduzione di dieci anni.

Su tutto questo, da un paio di compleanni ci ho aggiunto Facebook (stavo per scrivere “il carico da undici” ma mi sembrava di esagerare. Ecco, l’ho scritto). Con Facebook è più divertente e,a dispetto di quanto dicono molte mie coetanee, è una mano santa per la mezza età.

Dopo gli anni delle grandi compagnie quelle in cui ci si vedeva sempre tutti insieme e si faceva tutto con il gruppone, alla nostra età non abbiamo più tempo e soprattutto voglia (anche se qualche irriducibile c’è ancora) di uscire in mandria, di vedere sempre proprio tutti gli innumerevoli amici e conoscenti accumulati nel tempo, anche se ci fa piacere la vita sociale. E poi soprattutto se nel tempo non siamo rimaste amiche di tutti alla stessa maniera un motivo ci sarà e quindi…

Quando ho aperto la pagina Facebook ero terrorizzata di dover respingere continui assalti per rimpatriate di ogni genere ma in poco tempo ho capito che, invece, avevo l’opportunità di restare informata su tante persone che negli anni avevo un po’ perso di vista ma con le quali è divertente mantenere questo surrogato di relazione epistolare senza dover per forza organizzare un’uscita al cinema stiracchiata, isolata e pertanto inutile e anche un po’ patetica.

Facebook mi ricorda compleanni altrui che avrei già dimenticato mille volte e quando è arrivato il mio mi sono ritrovata sulla pagina un sacco di auguri che mi ha fatto veramente piacere ricevere e a cui ho risposto, uno per uno, divertendomi. Un”Buoncompleanno” costa pochi minuti, fa piacere e rallegra la giornata. Se poi arriva da qualcuno che vive lontano o con cui ci siamo detti mille volte “combiniamo” ma non ce l’abbiamo mai fatta, il piacere è anche doppio.

Restare connessi sui social, care le mie Madame, non solo è utile perché ci mantiene il cervello in attività veloce, ma anche emotivamente gratificante. Non raccontatevi e non raccontatemi la storia della vita che scorre altrove perché nessuno ci obbliga a compulsare istericamente Facebook se abbiamo di meglio da fare, e nemmeno che non vi va di far sapere alla gente dove siete e cosa fate: innanzi tutto gli amici che possiamo avere su Facebook raramente sono del tutto estranei (in genere ci si è già visti in giro o a casa di qualcuno oppure erano in un’altra compagnia al tempo del liceo ) e hanno più o meno la nostra età, poi basta seguire alcune regole auree tipo evitare di postare foto di mari esotici con data di partenza e arrivo dalle vacanze e lasciare perdere le amicizie con gente troppo giovane, cosa comunque da evitare anche nella vita reale.

Per il resto… ma a chi volete che importi quello che fanno delle tardone, se non ad altre tardone che magari trovano anche divertente sapere che da quando vi hanno perse di vista dopo la maturità siete diventate delle blogger che scrivono scemenze sulle signore di una certa età?

p.s. comunque un pensiero affettuoso a ognuno-uno per uno- dei miei 330 amici su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.