Le 6 parole della madamitudine: #1 Garbo

Cos’è la “madamitudine”? E’ una parola che ha dentro altre parole, come una matrioska.  Secondo me sono almeno 6, ma potrebbero essere di più, eccole:
1. Garbo
2. Ironia
3. Leggerezza
4. Entusiasmo
5. Moderazione
6. Empatia.
Come dire: le sei parole per le madame del nuovo millennio. Le parole che ci piacciono e che ci rappresentano, interpretate in chiave madamesca e regalate un po’ per volta, per non cadere nella noia. La prima è:

garbo s. m. [prob. dall’arabo qālib “modello”]. – 1. a. [comportamento gentile e grazioso: trattare con g.; uomo di g.] ≈ affabilità, amabilità, compitezza, cordialità, cortesia, creanza, delicatezza, educazione, fair play, finezza, garbatezza, gentilezza, grazia, savoir faire, signorilità, urbanità. b. [modo aggraziato e gradevole di fare o eseguire qualcosa: dipingere con g.] ≈ delicatezza, eleganza, finezza, grazia, leggiadria.

Buona educazione con un pizzico di sensibilità, cioè il modo migliore per risolvere con eleganza le situazioni più imbarazzanti tipo:

sbloccare una relazione con un uomo sposato: “caro, credi che ti sarebbe possibile lasciare tua moglie prima di mercoledì? il mio insegnante di pilates pensa che io sia single e mi ha proposto un’uscita a cena, sarebbe carino avere chiara la nostra situazione per sapermi regolare in caso mi invitasse a salire a casa sua”.

lanciarsi in una nuova conquista: “grazie-prego-ma figurati” in alternativa alla camicetta sbottonata sotto il livello di guardia, che a una certa età garantisce solo visioni modeste o sintetiche.

invitare a cena un vegano: “per te una bella insalatona, ma se preferisci una bistecca te la metto da parte e la porti a casa per gustarla con comodo, lontano da sguardi indiscreti”.

gestire un ex che si ripresenta con intenzioni bellicose:“tesoro, non ti sembra che inseguirmi con una bottiglia di acido possa essere pericoloso? metti che ti inciampi e cadi…”

(1.continua)

2 Commenti

  • leti ha detto:

    fantastica! sto ridendo come una matta…
    l’ex che ti rincorre con una bottiglia di acido gode della proprietà transitiva, ovvero cambiando l’ordine degli ex il risultato non-cambia: mi viene in mente lui, che con garbo dice, “Teresa, ti prego, lascia stare quel fucile…. far così non è gentile…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.