Quello sguardo un po’ così

Alle volte capita che, costrette dalle circostanze e per i più svariati motivi, dobbiamo dichiarare la nostra età a un rappresentante dell’altro sesso.

Non è sufficiente la data di nascita: richiederebbe una quantità di tempo che gli uomini non ritengono di dover sprecare e un calcolo che forse non sono in grado di fare, così sui due piedi.

La frase deve essere semplice e esplicita: “ho XX anni”. Buttata lì con noncuranza, come un inciso, come una trascurabile informazione.

Magari è uno di quei momenti di grazia in cui siamo particolarmente ben messe, ci siamo vestite con più cura, con gli abbinamenti giusti e i colori che ci donano. I capelli sono in ordine e siamo di buon umore per cui ci scappa pure quel sorriso che illumina lo sguardo.

Allora basta un attimo perché accada: un lampo di ammirazione che attraversa impercettibilmente (ma non per noi) lo sguardo di chi ci sta di fronte. Lo sguardo di chi pensa “Ah…però!”

Uno sguardo  a  metà tra la sincera ammirazione e l’incredulità che l’educazione non fa troppo trapelare. I più ruspanti aggiungono una piccola smorfia stringendo la bocca, i più cool accennano un sorriso mentre i più giovani, beata inesperienza, spalancano gli occhi.

In un contesto di seduzione tardona la dichiarazione di età e il successivo stupore fanno parte del copione, son battute già scritte che acquistano valore dall’ interpretazione degli attori e dalla regia del momento. La gratificazione vera è quando quello sguardo scocca all’ improvviso, negli occhi di quasi sconosciuti, magari in una riunione di lavoro, allo sportello della banca o dal verduriere.

Nessuna strumentalizzazione, nessuna galanteria: solo quel genuino stupore che vivaddio è quello a cui abbiamo inconsciamente o meno mirato quando ci siamo vestite, truccate e pettinate per uscire di casa.

Quello sguardo che, a volte, serve per migliorare la giornata e la prospettiva sul tempo che passa.

Lo sguardo dell’ “Ah…però” dovrebbe essere inserito tra i rimedi per la menopausa riconosciuti dal Sistema Sanitario Mondiale, altro che terapie ormonali!

 

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.