Si fa prima a fare

Noi signore siamo specialiste di “faccio prima a farlo che a star lì a spiegartelo”. Lo facciamo con genitori anziani, mariti poco collaborativi, colleghi inetti e figli pigri.

Sarà per questo che nella mia città alcune signore (quelle della foto)  si sono stufate di una situazione che recava loro preoccupazione e anche, perché negarlo, del dispiacere per le sorti del luogo dove abitiamo e lavoriamo tutte e,  senza perdere altro tempo per spiegare la cosa sprecando inutili fiumi di parole, hanno deciso di passare all’azione.

Ormai pochi ascoltano e pochissimi leggono e allora facciamogli vedere le figure, così  capiscono: mettiamo insieme qualche decina di migliaia di persone in una piazza, la nostra piazza. Che ci vorrà mai per delle donne determinate, nell’era di Facebook? E chi ha occhi per vedere, capisca.

Le hanno chiamate “madamine”, con un filo di sufficienza e ironia. Ma le madamine sono un prodotto del territorio come il tartufo, la barbera, gli agnolotti, il Valentino e Palazzo Madama. Le madame e madamine sono  a Cit Turin, a Barriera, a Millefonti, a  Madonna del Pilone, a Pozzo Strada, a Mirafiori, in tutta Torino. Non si è madame e madamine per censo, lo si è per età. Sappiatelo.

E soprattutto c’erano già ai tempi di Cavour, di Torino Capitale d’Italia, della nascita del cinema, della Donna della Domenica e delle Olimpiadi e ci saranno anche domani. Certi personaggi forse no….

Avete presente quando la sedia in camera dei nostri figli è piena di abiti e noi al ventesimo richiamo decidiamo che basta, che bisogna darsi da fare e capovolgiamo tutto quanto sul pavimento senza urlare, senza più dire nemmeno una parola?

Ecco, le madame fanno quella roba lì.

Foto La Presse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.