Cucina terapeutica, ovvero una ricetta per migliorare l’autostima

E strano come a volte sembra che tutto quanto dipenda da una semplice, stupida cosa che non ti riesce, per quanto impegno ci possa mettere. Per dire, a me è successo quando – in una di quelle fasi catartiche in cui sembra assolutamente necessario dover espiare chissaché e  dare una svolta decisiva alla vita –  ho deciso di imparare a fare il polpettone.

Nel polpettone, come nella vita, si tratta di usare nelle giuste proporzioni una serie di ingredienti e avanzi, mescolarli per bene e cercare di farli restare insieme in un tutt’uno dal gusto gradevole e dalle forme decenti. Detta così sembra una delle ricette di GialloZafferano, di quelle che tutti possono fare dopo averle viste in TV. In realtà è tutto mooolto più difficile e infatti non ne venivo a capo: esistenza e polpettone, nonostante ripetuti e ostinati tentativi si risolvevano sempre in un nulla di fatto, in qualcosa di poco soddisfacente per il gusto e sgradevolmente approssimativo alla vista.

Anche se seguivo onestamente la ricetta e cercavo di amalgamare le giuste dosi di carne e pazienza, uova e ottimismo, pane pesto e determinazione tutto mi si disfaceva tra le mani proprio quando pensavo di aver raggiunto un risultato accettabile. Potete immaginare a quali abissali livelli scendesse la mia autostima mentre  sfornavo e mangiavo quei pasticci in teglia, perché comunque sono della generazione che è cresciuta pensando ai bambini dell’Africa e quindi non butto mai via il cibo.

La regola vuole che se il bersaglio grosso non è raggiungibile si debba procedere per avvicinamento,  quindi : keep calm – ero già molto avanti –  via il polpettone e avanti con le polpette. Gli ingredienti sono gli stessi ma l’obiettivo più modesto garantisce il risultato e la morale risulta abbastanza ovvia. E partendo dalla cucina ho iniziato a “polpettizzare” tutto quanto doveva essere rielaborato e affrontato: i dispiaceri, i sensi di colpa, le malinconie, gli sconforti professionali e le incazzature varie. Tutto quello che sembrava insormontabile, preso a petit morceau diventava abbordabile e quindi risolvibile. La mia autostima è risalita dagli abissi rischiando l’embolia e ogni volta che cucino polpette  mi congratulo con me stessa.

P.S. Il polpettone della foto va da sé che non l’ho fatto io, ma Cristina Perino, braccio, cuore, anima e  mente di un posticino meraviglioso a Torino in via Carlo Alberto dove ormai, quando mi prende voglia di polpettone vado a comprarlo già bell’e fatto e lo posso anche mangiare lì, magari sulle seggioline colorate in mezzo alla via pedonale, in queste prime giornate di sole.

 

Tags from the story

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.